Prof. Dr. Dr. h.c. David G. Simons, MD, PhD Hon (1922 - 2010)

La DGSA deve il suo nome a David G. Simons , pioniere e autore del noto testo "The Trigger Point Manual ". Simon è stato uno dei co-fondatori della DGSA, e per molti anni è stato per noi mentore, maestro e amico.

David G. Simons, 1946

David G. Simons, 1946

1946-1957 Il medico

Nel 1946 un giovane di nome David G. Simons terminò gli studi in medicina al Jefferson Medical College di Philadelphia (Pennsylvania). Fu l'inizio della sua brillante carriera. Inizialmente Simons lavorò nel laboratorio medico dell'Aeronautica Militare statunitense presso la base Wright-Patterson. La sua grande curiosità lo portò presto a intraprendere i suoi primi esperimenti. Tra il 1948 e il 1949 condusse alcuni esperimenti su animali per il progetto V-2 rockets, e successivamente (1953-1959) divenne il responsabile del Dipartimento di Biologia Spaziale del Centro per lo Sviluppo Missilistico dell'Aeronautica Militare statunitense, presso la base aeronautica di Holloman (Nuovo Mexico).

Sinistra: David G. Simons nel 1957 sulla copertina della rivista "Life" | Destra: il Pallone aerostatico del progetto Manhigh

Sinistra: David G. Simons nel 1957 sulla copertina della rivista "Life" | Destra: il Pallone aerostatico del progetto Manhigh

1957-1960 L'astronauta

Durante questo periodo Simons era il responsabile di un progetto denominato Progetto 7851, uno studio sulle radiazioni cosmiche, l'assenza di gravità e i voli in alta quota con palloni areostatici, conosciuti come progetto Manhigh. Per questi progetti Simons, con Joseph Kittinger, Clifton McClure e Dr. John P. Stapp sono stati definiti Pre-astronauti, un gruppo di coraggiosi che per primi hanno volato all'altezza della stratosfera. Nell'agosto 1957 Simons pilotò il pallone Manhigh II segnando il record di altitudine raggiunta in volo, 31.000 metri sopra il livello del mare. Fu così tra i primi a osservare dal vivo la curvatura della superficie terrestre. Simons guadagnò così un posto nella Space Hall of Fame e nel 1957 venne ritratto sulla copertina della rivista "Life".

Vista dalla terra del pallone all'altezza di 31.000 metri sopra il livello del mare

Vista dalla terra del pallone all'altezza di 31.000 metri sopra il livello del mare

“This cloud layer which terminates as an overhanging shelf is so solid it gives one a feeling of beeing in heaven, above the rest of the world where you can look down over the edge and see the poor, faltering mortals. It's a strange sensation: a quiet world, peaceful, bright and dark at the same time.”(David G. Simons)

Travell & Simons, 1985

Travell & Simons, 1985

1960-2010 Il ricercatore

Successivamente Simons lavorò per l'amministrazione dei Veterani, per cui sviluppò programmi di ricerca in medicina fisica e riabilitazione. Nel 1960 il medico Janet Travell tenne una lezione sul Dolore Miofasciale e i Trigger Point alla Scuola di Medicina Spaziale dell'Aeronautica. Simons rimase così impressionato dalle sue ricerche da decidere, da quel momento in poi, di lavorare con lei. Da un intenso lavoro di collaborazione tra i due si giunse alla pubblicazione del "Trigger Point Manual", nel 1983, il primo compendio sulla diagnosi e il trattamento del Dolore Miofasciale. Nel 2001 Simons e il Prof. Siegfried Mense pubblicarono il testo "Muscle Pain: Understanding its Nature, Diagnosis and Treatment " ("Il dolore muscolare: comprenderne la natura, la diagnosi e il trattamento"). Questo libro, che combinava elementi di evidenza scientifica e pratica clinica, ha rappresentato una pietra miliare nella comprensione del dolore. Oltre a questi testi Simons è autori di più di 200 articoli sui Trigger Point e il trattamento del dolore cronico. Nel tempo è stato riconosciuto internazionalmente come uno dei ricercatori più stimati nel suo ambito e nel 2005 ha ricevuto il dottorato onorario dalla Thomas Jefferson University di Philadelphia. Ancora oggi Travell e Simons vengono riconosciuti tra i pionieri della "medicina muscoloscheletrica". Fino alla sua morte, avvenuta il 5 aprile 2010, Simons ha continuato a lavorare alla terza edizione del Trigger Point Manual e un libro sui cambiamenti climatici. Ad oggi, per i molti che l'anno conosciuto, rimane una persona unica ed eccezionale.

Necrologio del British Medical Journal

This website uses cookies. By using the website you agree to the use of cookies. Privacy policy